Per questo Natale abbiamo adottato una foresta

🎄 Per questo Natale abbiamo adottato una foresta, da donare simbolicamente a tutti i nostri clienti, stakeholders, agli amici, a tutto voi.

IMQeAmbiente, IMQ Group, IMQ Gulf: ready for COP28! 

🌿 IMQeAmbiente, along with IMQgroupand IMQ Gulf, is geared up to participate in COP28, showcasing its commitment to sustainability, innovation, and collaboration on a global scale.

 Save the Date: IMQeAmbiente’s Event on December 11 – 15:30- 17:00 Dubai Time (12:30 -14:00 Italian Time)

EVENTO “TOGETHER TOWARD 2030”

Le grandi sfide lanciate dall’Agenda 2030 non riguardano solamente la conservazione dell’ambiente ma ricomprendono il capitale umano e relazionale, quello economico, culturale e sociale.

Attraverso 3 Panel con figure ed aziende impegnate attivamente nella riduzione di CO2 e di emissioni clima-alteranti, nella realizzazione di bilanci o dei percorsi di sostenibilità lanceremo un segnale importante affinché il 2030 non sia solo un anno simbolo, bensì un traguardo per tutti!

Entriamo a far parte di OICE

ENTRIAMO A FAR PARTE DI OICE

Siamo lieti di annunciare che IMQ eAmbiente ha recentemente ottenuto l’onore di diventare membro OICE, Associazione delle organizzazioni di ingegneria e consulenza tecnico-economica, una delle associazioni più prestigiose del settore in Italia. Questa affiliazione segna un passo significativo nella nostra missione di eccellenza e impegno nel campo dell’energia e dell’ingegneria.

 

ECOMONDO: DAL 7 AL 10 NOVEMBRE 2023

Con grande piacere quest’anno IMQeAmbiente, insieme al Gruppo IMQ, parteciperà a Ecomondo, la fiera per la transazione ecologica che si svolgerà a Rimini dal 7 al 10 novembre.
Saremo presenti con altre due società del Gruppo IMQ, per illustrare le attività di testing, certificazione e le soluzioni che possiamo offrire a supporto delle realtà impegnate nella sostenibilità.

 

INTERVISTA A ALFREDO DI GIOVAMPAOLO

Il problema che non ci poniamo è cercare di mettere in relazione i diversi avvenimenti che raccontiamo. Il cambiamento climatico non è slegato dalle alluvioni in Romagna, o dalla storia degli youtuber che passano la giornata in Suv e ammazzano un bambino di cinque anni. Il filo che lega questi e altri avvenimenti è la ricerca del profitto, un modello di sviluppo sbagliato che mette il denaro al centro della nostra vita. Contano più i soldi che le persone e anche il racconto giornalistico è dentro questo modello culturale, ne è condizionato.

INTERVISTA AL PROF. ENRICO GIOVANNINI

Enrico Giovannini, ordinario di statistica economica, co-fondatore e direttore scientifico dell’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (ASVIS), già ministro dei governi Letta e Draghi, ha accettato di parlare con noi dopo il Festival che l’Alleanza ha proposto in tutta Italia dall’8 al 24 maggio scorso. Dibattiti, idee, studi sviluppati in circa 1.000 eventi per concludersi in un confronto con il Governo e il Parlamento presentando una serie di proposte trasversali di governance per la transizione ecologica in ordine all’Agenda 2030.

Con il lockdown gli italiani sono diventati più green

Il dato non ha bisogno di troppi commenti. Prima del lockdown le tre regioni del Nordest consumavano complessivamente 2.000 tonnellate di CO2. Durante il periodo di confinamento per il Covid-19 le tonnellate sono state appena 400. Un crollo delle emissioni legato non solo allo stop produttivo.

EPLAT.1 per le autorità portuali del Mar Ionio

La Piattaforma digitale di eAmbiente dedicata alla gestione di impatto ambientale, integra al suo interno le più moderne tecnologie che permettono, in un cantiere di bonifica, la visualizzazione dell’avanzamento dei lavori mediante mappe interattive, la visualizzazione e l’analisi dei dati derivanti da monitoraggi ambientali provenienti da strumentazione IoT, compatibilità con smarphone e tablet per consentire l’inserimento di immagini e informazioni rilevate in campo.

Impatto reale calcolato con l’analisi del ciclo di vita e la variabile costi (l.c.c. life cycle costing) e l’analisi del ciclo di vita (l.c.a.: life cycle assessment)

Ne è un esempio l’LCC-LCA sviluppato da eAmbiente per Motus-e che analizza i vantaggi legati all’applicazione di un approccio basato sul concetto di Economia Circolare nell’ambito della mobilità elettrica, focalizzandosi in particolare sul repurposing di batterie al litio provenienti da mezzi elettrici in unità di accumulo energetico stazionarie per impianti fotovoltaici domestici.

Condomini di prosumer

Le comunità energetiche non sono figlie della crisi, ma forse, senza il Covid e la guerra in Ucraina, sarebbero rimaste sulla carta. Invece, il Pnrr sta facendo fiorire nel Paese questi “condomini” di enti pubblici e privati che si mettono insieme per abbattere il costo della bolletta elettrica. Gabriella Chiellino, AD e cofounder di IMQ eambiente, è la regista di una primavera che parte dal basso. «Ne sto seguendo una ventina, costituite da Comuni e privati» spiega Gabriella Chiellino che guida una società di consulenza e progettazione e che, come delegata del Patriarca di Venezia ha coordinato il tavolo del nordest sui temi ambientali e energetici, in vista della Settimana Sociale di Taranto.

eAmbiente entra a far parte del gruppo IMQ

“La sostenibilità è un elemento storicamente presente nel DNA del Gruppo IMQ ed è anche uno dei pilastri su cui intendiamo fondare la nostra crescita per il prossimo futuro” ha spiegato l’AD. “Per questo, dopo una valutazione accurata delle opportunità offerte dal mercato, sono felice di annunciare l’ingresso nel nostro Gruppo di eAmbiente S.r.l., realtà italiana di eccellenza che ci consentirà di integrare la nostra offerta di servizi per accompagnare le aziende di ogni settore nel percorso di riduzione del proprio impatto ambientale”.

Il primo bilancio di sostenibilità di eAmbiente

eAmbiente annuncia la stesura del suo primo Bilancio di Sostenibilità. Questo strumento permette di comunicare all’esterno, con metodo e trasparenza, gli obiettivi persegui dall’azienda e le attività intraprese per raggiungerli, monitora gli indicatori interni, oltre che i principali risultati conseguiti in ambito economico, sociale e ambientale, relativamente all’esercizio del 2020-2021. Redigere il bilancio di sostenibilità è una scelta strategica per le imprese che integrano i loro bilanci con informazioni sugli aspetti che incidono significativamente sulla loro capacità di creare valore nel tempo, sia per l’azienda stessa, che per i suoi stakeholder principali.

eAmbiente Group a fianco di INVIMIT

eAmbiente ha redatto uno studio al fine di facilitare la valutazione della qualità del progetto di ristrutturazione della Ex Manifattura Tabacchi. Il progetto si inserisce quindi al primo posto tra gli interventi che hanno beneficiato del Dispositivo per la Ripresa e la Resilienza (Recovery and Resilience Facility – RRF; Regolamento UE 241/2021), il quale prevede che gli interventi finanziati dal PNRR debbano essere conformi al principio del “non arrecare danno significativo all’ambiente” o “Do not significant harm” come sancito dalla Tassonomia per la finanza sostenibile.

Strategie e proposte per infrastrutture sempre più sostenibili

eAmbiente è azienda associata ad AIS – l’Associazione Italiana per la Sostenibilità delle Infrastrutture. È stata una delle prime aziende ad associarsi dopo pochi mesi della sua costituzione, nel 2020.

Attualmente fanno parte di AIS oltre 50 società e aziende che appartengono a diversi comparti: società di ingegneria e progettazione, alle imprese di costruzione, diverse società di servizi, dalla certificazione alla digitalizzazione e innovazione fino alla consulenza ambientale, oltre alle imprese industriali produttrici di materiali per l’edilizia.

Il punto di Gabriella sulla sostenibilità nelle infrastrutture

A questo riguardo, ricordo le competenze sviluppate nell’analisi d’impatti e nella gestione del Piano di Monitoraggio Ambientale di alcuni elettrodotti di Terna, tra cui quello veneziano di recente realizzazione; nonché delle infrastrutture stradali, sviluppate da Veneto Strade. Anche nel campo energetico, ricordo gli Impianti Eolici di e2i, oggi Sorgenia, nella realizzazione del “Progetto Envision” per il revamping degli impianti, portando alla certificazione Sostenibile gli stessi impianti. Questi sono soltanto alcuni esempi, ma raccontano il cammino fatto fin qui.

Progetto xpress, eAmbiente alla final conference a Bruxelles

La crisi in Ucraina ha accelerato la necessità di fornire una risposta da parte di tutti i paesi europei sulla necessità di incremento dell’uso di energie rinnovabili: aumentare la consapevolezza da parte dei cittadini sull’importanza di costituire comunità energetiche e delegare le amministrazioni alla gestione dell’energia per i cittadini, includendo un approccio LCA: con un’analisi e quantificazione degli impatti ambientali, economici e di sostenibilità sociale, semplificherebbe l’allineamento alle sfide del cambiamento climatico.

Intervista con Chicco Testa

Per chi non la conoscesse, piazza di Pietra a Roma è uno dei crocevia d’incontri più importanti della Città Eterna. Lui, Chicco Testa, classe ’52, ancora l’eco dell’idioma di nativo bergamasco in bocca come le sigarette che sfumano veloci tra una battuta e l’altra, arriva al nostro appuntamento percorrendo veloce la piazza in stile semi estivo, d’altra parte il sole gli dà ragione, maglioncino in cotone e sneakers. 

Si parla di energia, si parla di crisi, di guerra, di Pnrr. Sul tavolo la prima coca-zero.

Bilancio di sostenibilità 2020/2021

eAmbiente Group ha lavorato a fianco di Altromercato per il bilancio di sostenibilità. 

Una fotografia degli impatti sociali di un’impresa sociale da 34 milioni di fatturato, 87 soci con 225 punti vendita in 74 provincie in Italia, 3000 volontari, quasi 200mila follower sui canali social e milioni di consumatori e consumattivisti che scendono nelle piazze fisiche e virtuali, che agiscono nel concreto per cercare un cambiamento e che ci mettono la faccia.

DNSH – DO NOT SIGNIFICANT HARM

DNSH (Do Not Significant Harm) significa portare finalmente in modo sistematico la cultura dell’analisi degli impatti ambientali (di TUTTI gli impatti ambientali) dentro l’economia e la finanza: non solo gas a effetto serra (cui fanno riferimento i primi due obiettivi della Tassonomia), ma anche tutte le altre categorie di impatto, legate a: acque superficiali, marine e sotterranee; tutte le altre forme di inquinamento in aria acqua e suolo; economia circolare e la biodiversità.

Intervista al Professor Carlo Carraro

Carlo Carraro, Rettore emerito e professore ordinario di Economia Ambientale presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia, è uno tra i massimi esperti di economia ambientale, cambiamenti climatici e accordi internazionali ambientali. Il settore dei trasporti – mobilità e infrastrutture è molto importante dal punto di vista della mitigazione climatica. Il MIMS ha recentemente pubblicato il rapporto su Cambiamenti Climatici, Infrastrutture e Mobilità scritto sotto la sua guida come presidente della relativa commissione ministeriale. Quali sono, secondo lei, i punti chiave del settore rispetto agli obiettivi dettati dall’Agenda 2030?

Tassonomia: sarà la guida per gli investimenti futuri

Partiamo da un fatto: il nostro Paese ha scelto di non essere autonomo dal punto di vista energetico. 
Il secondo fatto è che, nonostante negli anni si siano spesi svariati miliardi per incentivare l’energia alternativa, ad oggi la produzione non copre più del 38 per cento del fabbisogno. 
Abbiamo voluto partire con il primo della newsletter di eAmbiente parlando di energia e sostenibiltà non solo perché è, e sarà, il tema portante di molti altri nostri appuntamenti, ma anche perché l’attualità ci impone di fermarci un attimo e ragionare intorno ad alcune parole chiave che torneranno spesso nei nostri ragionamenti.

Indagini sul ghiaccio

Se vai a leggere su wikipedia sotto la voce glaciologia scopri che si tratta della scienza che studia i ghiacciai, e come nei migliori romanzi di (fanta)scienza, l’incontro con lo scienziato accade nel campus universitario di Ca’ Foscari, in un giorno assolato e nemmeno troppo freddo (manco a dirlo) di febbraio. Felpa blu, capello un po’ sparato, Fabrizio de Blasi cammina spedito indicandomi un cuore verde nel mezzo del campus mestrino dove mi racconterà che “la situazione è irreversibile, ma forse possiamo mantenere limitare i danni”. 

eAmbiente e Intesa Sanpaolo: il laboratorio ESG del Nordest

Il laboratorio ESG costituito da Intesa Sanpaolo, direzione Veneto Est e Friuli -VG, per le imprese del Nordest è una prima grande e importante opportunità per tutte le aziende che puntano a migliorare il proprio profilo di sostenibilità avviando un processo di transizione ecologica nel verso di una politica di governance che abbia come cardine economia sostenibile, digitale e circolare in coerenza con quanto stabilito dal PNRR. 

Innovatori dell’umano, partendo dall’ambiente

Si definiscono “innovatori dell’umano” e di innovazione, nel mondo della formazione, ne hanno portata e ne stanno portando. L’ultima è la mostra dal titolo “Goodbye Glaciers”, letteralmente un’addio ai monti in salsa eco/futuro, che Engim Veneto ha ospitato nella sua sede veronese al Chievo, quartiere ormai noto a livello mondiale per aver dato i natali in tempi pre/covid ad una squadra che ha pure giocato in Champions League.

La notizia (che ormai è diventata una triste realtà) è che il costo dell’energia è arrivato a 130€/mwh

Una cifra sproporzionata se pensiamo che nel 2018 ci lamentavamo per l’aumento eccessivo di circa 60€/MWh dovuto al fermo estivo di 22 reattori francesi. 

Il tema è importante non solo per i nostri portafogli, che tra bollette e rifornimenti di carburante, sono sempre più leggeri, ma anche e soprattutto perché ci dà lo spunto per parlare di un tema fondamentale: l’assoluta dipendenza del nostro Paese verso i Terzi produttori di energia. 

A passi spediti nella rivoluzione PNRR

eAmbienteGroup è impegnata in prima linea nella presentazione dei progetti anche perché tutti i bandi del PNRR richiedono una progettazione tecnico economica di pre-fattibilità corredata sempre da relazioni di carattere tecnico ambientale per verificare la sostenibilità dell’impianto proposto (LCA, CARBON FOOTPRINT).

Per metà febbraio (intorno al 14) è prevista la scadenza della presentazione dei progetti che riguarda l’economia circolare nell’ambito del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR). 

ESG – la chiave di volta per la transizione ecologica

Cosa significa ESG? Perché è fondamentale per le aziende e per la nostra comunità? Quali sono i KPI fondamentali? E, soprattutto, perché eAmbiente Group è il partner giusto per rispettare l’Agenda 2050 imposta dal Governo, ma soprattutto dal NewGreenDeal europeo?

Oggi l’acronimo ESG (Environmental-Social-Governance) è sempre più al centro del dibattito sul green e sulla transizione ecologica. 

SAIE “per una effettiva sostenibilità delle infrastrutture”

Oggi il tema dei rating ESG a livello internazionale non è ben definito ed è in continua evoluzione: a causa dell’ampia varietà di metodologie di valutazione e della diversa qualità delle fonti di dati, valutazioni diverse possono essere ampiamente divergenti l’una dall’altra. Si sta proponendo a livello internazionale una adozione sempre più estesa da parte delle aziende ad iniziative di rendicontazione sulla sostenibilità e sono più comunemente applicati alle attività quotate in borsa, anche se negli ultimi anni sono stati sempre più applicati per la valutazione di sostenibilità di imprese non quotate, di fondi di investimento, e anche per le infrastrutture.

Che cos’é un sistema di gestione?

La sicurezza, l’ambiente, la qualità, l’energia e anche gli eventi. Tutto può essere organizzato secondo un sistema di gestione. Ma di che cosa si tratta? E soprattutto a chi serve e a cosa serve? Perché è importante adottarlo?

Un sistema di gestione (SG) è un insieme di regole e procedure, definito in una norma riconosciuta a livello internazionale, che un’organizzazione o azienda può applicare allo scopo di raggiungere obiettivi definiti.

Il punto di Gabriella- La sfida

La situazione internazionale è sempre più complicata e le ricadute del conflitto tra Russia e Ucraina stanno portando una serie di conseguenze sul mercato energetico e sulle scelte ambientali. Nella nostra newsletter, che abbiamo dedicato quasi per intero alla questione energetica, abbiamo voluto aprire con una bella intervista all’amico Chicco Testa che ha condiviso con noi la sua preoccupazione per il futuro. 

Cartiera di Mantova, imminente l’avvio della produzione

Nato nel 1973, il Gruppo conta attualmente una rete di 26 impianti produttivi operativi in sette regioni italiane con l’obiettivo di ridare vita alla carta. Un ciclo produttivo che inizia all’interno delle piattaforme di raccolta del macero e nelle cartiere, dove attraverso il riciclo della carta e della fibra di cellulosa vengono prodotti milioni di metri quadrati di carta ogni giorno. Una filiera integrata che lavora 1,5 milioni di tonnellate l’anno di carta riciclata, produce 1,3 milioni di tonnellate l’anno di carta e 1.200.000.000 metri quadrati l’anno di cartone ondulato.

L’eolico misura la sua sostenibilità

L’eolico misura la sua sostenibilità” questo il titolo del webinar al quale ha preso parte Gabriella Chiellino, presidente di eAmbiente.

L’azienda ha seguito Il progetto di integrale ricostruzione di due parchi eolici – di Castiglione Messer Marino e di Roccaspinalveti, entrambi in provincia di Chieti- per ottenere nel 2021 il punteggio Platinum dallo standard internazionale per le infrastrutture sostenibili Envision. La produzione annua attesa per questi due nuovi impianti sarà pari a 114 GWh7anno, equivalente al fabbisogno energetico di 42.000 famiglie.

COLLABORAZIONE CON PRO-GEST

Eambiente annuncia collaborazione con pro-gest. Economia circolare made in italy

Economia circolare. Quella vera, applicata ai processi produttivi.

È questo il messaggio che arriva da Mantova e che come un bellissimo fulmine a ciel sereno illumina di Green questa Pasqua ancora sotto-covid.

L’azienda si chiama Pro-Gest. È una di quelle realtà grandi che raccontano una storia industriale tipica del nostro Belpaese: nato nel 1973, 26 impianti produttivi in 7 diverse regioni italiane. Uno dei maggiori player in Europa nella produzione integrata di carta, cartone, imballi e packaging.

Essere sostenibili: un dovere, oggi – case history Saviola Holding

L’Europa ha un’agenda rigida e determinata per arrivare a impatto zero entro il 2050. 

Si devono introdurre interventi strutturali su imprese, mobilità, efficienza energetica, fonti rinnovabili: la parola d’ordine è Economia Circolare. Questo è il tema della docenza di Gabriella Chiellino, presidente di eAmbiente, azienda leader nel Nordest per la consulenza riguardo a sostenibilità e impatto ambientale, nell’ambito del Master MASOS, Master in Management della Sostenibilità, presso l’Università Ca’ Foscari Venezia. 

Le parole del cambiamento climatico

Si apre con la A di Accordo di Parigi e si chiude con la Z di Zoonosi la seconda edizione di “Lessico e nuvole: le parole del cambiamento climatico”, guida linguistica e scientifica redatta da 82 ricercatori e esperti dell’Università di Torino, del Politecnico di Torino e del CNR appena pubblicata e disponibile online sul sito zenodo.org. Oltre 220 vocaboli per orientarsi nel dibattito sulle questioni più attuali legate al riscaldamento globale, con l’introduzione del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Sergio Costa. Un progetto nato lo scorso anno dalla volontà e dall’esigenza di valorizzare la ricerca sviluppata nell’Ateneo anche per rispondere alla domanda di chiarezza e condivisione da parte degli studenti che appartengono al movimento Fridays For Future.